Premi IN/Architettura 2020, uno sguardo oltre la crisi

Architettura e detenzione: un incontro mancato
Kafka, il coronavirus e l’architettura nel Paese del “combinato disposto”

Premi IN/Architettura 2020, uno sguardo oltre la crisi

Francesco Orofino, il segretario generale di IN/ARCH, illustra su Il Giornale dell’architettura la nuova edizione dei premi In/Architettura 2020, un prestigioso riconoscimento istituito nel 1962.

Può avere un senso, in un momento difficile come quello che stiamo vivendo in queste settimane a causa del Coronavirus, promuovere un premio di architettura? Noi crediamo di sì perché siamo convinti che la logica dell’emergenza non debba e non possa paralizzare e travolgere ogni dimensione della vita sociale e culturale del nostro Paese, pur nel rispetto di tutte le logiche di sicurezza messe in campo.

A partire da tali convinzioni l’Istituto Nazionale di Architettura e l’ANCE, in collaborazione con Archilovers, hanno avviato i Premi In/Architettura 2020: per lanciare uno sguardo oltre la crisi, valorizzando le occasioni di architettura di qualità del nostro Paese e offrendo un contributo culturale per il rilancio di tutto il settore delle costruzioni che vive e vivrà, ancora una volta, una fortissima debacle.

In questa fase di avvio i Premi richiedono solo azioni da svolgere via web. Grazie ad una piattaforma costruita ad hoc, infatti, progettisti, imprese di costruzioni, committenti possono candidare (entro il 18 maggio) opere realizzate in Italia tra il 2014 e il 2020 sul sito di Archilovers.

Leggi tutto l’articolo su: www.ilgiornaledellarchitettura.com