Radicamenti ai luoghi

Vincitori Premi In/Architettura 2020
Ecoweek 2021

Radicamenti ai luoghi

IZSUM "Togo Rosati" - foto: Sardellini Marasca Architetti

Premi In/Architettura Marche, Umbria e Toscana. Le 199 opere candidate rivelano molti sguardi inediti sul fare.

Venerdì 16 ottobre, presso la Sala del trono del Palazzo Ducale si è svolta la IV edizione dei Premi IN/Architettura 2020 per le regioni MarcheUmbria e Toscana. Il presidente Marco Montagna e la giuria danno un bilancio positivo per le 199 opere candidate, a rappresentare un inedito sguardo dell’architettura contemporanea dei luoghi. Occasione, oltre le difficoltà sanitarie, di proseguire la ricerca e diffusione delle realizzazioni, nello spirito che anima la sezione dalla sua fondazione nel 2004. Uno stimolo ad agire con qualità nella rigenerazione e ricostruzione del patrimonio edilizio e urbano esistenti, che oggi offre 84.000 fabbriche pubbliche e private in attesa d’intervento. Bacino di lavoro, come ricorda il presidente ANCE Marche Costanzo Perlini, in cui l’architettura contemporanea potrà avere il diritto di esprimersi.

Le opere nelle diverse categorie mostrano uno scenario sperimentale frammentato di risultati architettonici, distinti per programma, tecnologia e comunicazione, che esprimono l’eterogeneità di una bellezza democratica, maturata all’interno di limiti normativi e opportunità tecniche. Con una differenza di linguaggi e tassonomie aderenti a destinazioni, obiettivi economici e letture tipologiche, includendo le frizioni fra esistente e nuovo, in cui i corpi antichi si lasciano valorizzare da innesti rifunzionalizzanti, ed efficaci per la forza di una semplicità e raffinatezza sartoriale di esecuzione, appartenenti all’artigianato tipico delle tradizioni regionali.

 

Leggi l’articolo di Valentina Radi su il Giornale dell’Architettura