Green Table: per una mutata coscienza del costruire

Green Table. Comunicato stampa conclusivo
Per una efficace rigenerazione urbana. Resoconto del dibattito

Green Table: per una mutata coscienza del costruire

Gli esiti del forum internazionale che a Perugia ha discusso di transizione ecologica, riequilibrio tra città e borghi, e di riaffermazione del ruolo del progetto.


Dal 20 al 23 ottobre si è tenuto il Forum internazionale Green Table, organizzato da Fondazione Guglielmo Giordano e Media Eventi con IN/Arch e ADI. Obiettivo, aprire una rinnovata discussione sul rapporto tra trasformazione dell’ambiente e riscaldamento globale. La discussione, benché chiara negli assunti, risente di profonde divergenze tra interessi e approcci settoriali, modalità contrastanti con la gravità del problema. Le risposte hanno penetrato il tema con metodi e discipline differenti, in cui certezze di paradigmi hanno vacillato.

Gli spunti emersi sono trasversali: pensare per reti territoriali; avviare una vera cultura del cambiamento attraverso la formazione; consolidare le convergenze tra pubblico e privato, ove le risorse finanziarie possono essere disponibili se sostenute da una chiara politica che le incentivi, in un rinnovato processo industriale e finanziario. La transizione ha un costo economico che incide a livello geopolitico e sociale, e tale rimane come ostacolo agli accordi in cui sostenibilità ambientale e sociale devono camminare di pari passo.

Tre parole ricorrono tra i tavoli – responsabilità, solidarietà, cooperazione – per sottolineare che, nello stato attuale, le risoluzioni tecniche e la scienza sono complementari a quelle, anzi insostituibili.

 

Leggi l’articolo completo di Renzo Bassani, Architetto e membro del Consiglio direttivo nazionale di IN/Arch su il Giornale dell’Architettura

 


Green Table